FAQ sul sistema informativo eMs

Durante la pubblicazione del Il Avviso è disponibile un servizio di domande-risposte sul sistema informativo eMS. Le domande possono essere inviate all'indirizzo marittimo1420@regione.toscana.it.

Una lista-base di risposte sul sistema eMs è disponibile qui:

>> eMS - LISTA BASE DI RISPOSTE

Le risposte sui contenuti dell'Avviso sono pubblicate invece nella pagina dedicata.


#1 - 10/01/2017 - SIIT – Distretto Tecnologico Ligure

Sto cercando di iscrivermi al 2.o avviso, utilizzando la e-mail del 1.o avviso. Il sistema mi blocca dicendo che la mail è già utilizzata. Non ricordo la precedente PSW, potete cortesemente indicarmi come procedere?

 

Confermiamo che può sicuramente essere utilizzato l'indirizzo e-mail già utilizzato per il I avviso. Per recuperare la password precedente è sufficiente selezionare: "password dimenticata" e inserire nella schermata che si presenterà il nome utente già in suo possesso.


#2 - 23/01/2017 - Direzione Consorzio industriale Oristano

Abbiamo avviato la procedura di registrazione sulla piattaforma ems ma non va a buon fine il login dal link ricevuto nella mail di avvenuta registrazione.

 

Quando il link automatico che viene inviato via email per recuperare la password non funziona, è sufficiente copiarlo e incollarlo manualmente.


#3 - 28/01/17 - Chiara Cao

Per quanto riguarda gli investimenti, nella apposita casella del formulario va indicato il titolo dell'investimento o della componente?

 

Nella parte C.5 del formulario del sistema eMS, se si inserisce una Componente va riportato il titolo della componente stessa, se si inserisce un investimento, nel titolo occorre riportare il titolo dell’investimento. In tal caso, inoltre, nella stessa pagina di inserimento si trova un box “Sintesi della Componente – Componente di riferimento”, sotto al quale è presente un menù a tendina da cui si deve selezionare la Componente a cui è collegato l’investimento


#4 - 29/01/2017 - Chiara Cao

Perchè nel sistema informatico non riesco a caricare la componente gestione?

 

La componente gestione, così come le altre componenti, può essere caricata correttamente solo dopo aver inserito alcuni dati fondamentali del progetto: fra questi il partenariato (parte B del sistema eMS) e le corrette date di inizio e fine progetto (parte A del sistema).


#5 - 09/02/2107 - Liguria Ricerche S.p.A.

Con la presente siamo a richiederVi un chiarimento in merito alla informazioni richieste per la “PARTE B: Partenariato del Progetto” per i Partner fuori area di cooperazione.  Nel formulario di cortesia è infatti riportata sia la riga “Al di fuori dell’area di cooperazione” con la possibilità si selezionare l’opzione SI/NO, sia l’apposita sezione, in caso di opzione affermativa, in cui occorre indicare il valore aggiunto dell’inclusione del Partner nel partenariato. Nella sezione B della piattaforma non ritrovo alcuna indicazione in merito: potreste cortesemente indicarmi dove inserire tale informazione?

 

Si sottolinea che il formulario di cortesia “cartaceo” (o comunque in formato pdf) rappresenta solo un supporto alla presentazione della candidatura, che come noto deve essere effettuata on-line; pertanto sono possibili lievi discordanze fra tale modello e le schermate di inserimento dei dati presenti nel sistema informativo. In ogni caso fa comunque fede quanto riportato nel sistema on line. Tutto ciò premesso, nel caso specifico l’informazione relativa ad un partner fuori dell’area di cooperazione non deve più essere inserita in modo esplicito mediante un'opzione del tipo SI/NO, in quanto il sistema la deduce direttamente dall’ “Indirizzo” e dall’ “Indirizzo sede principale” presenti nella sezione B relativa a ciascun partner. Il valore aggiunto dell’inclusione del Partner fuori area nel partenariato può essere descritto nel campo “Vantaggi della partecipazione del partner al progetto” sempre della stessa sezione B. Tuttavia, si ricorda che le informazioni rilevanti ai fini della valutazione (vedi criteri di valutazione) sono quelle relative alle attività previste fuori area, il cui valore aggiunto deve essere descritto nella sezione C.8 del Formulario sul Sistema Informativo E-ms.


#6 - 13/02/2107 - Autorità portuale di Livorno

Con riferimento al sistema EMS per il caricamento delle proposte progettuali, sono a chiedere come la sezione Principali Output/ realizzazioni del progetto che compare nella parte “Sintesi del progetto” viene modificata dal sistema e se in particolare questa modifica dipende dagli investimenti previsti. Sono poi a chiedere in che cosa consiste esattamente l’opzione “controlla il progetto salvato”.

 

Confermiamo che la sezione Principali Output/realizzazioni del progetto presente nella Parte A del Formulario è alimentata in maniera automatica dal sistema eMS con le informazioni inserite nelle singole componenti di attuazione del Progetto. La tabella non è ricavata dalle componenti di Investimento. Per quanto riguarda invece la funzionalità “controlla il progetto salvato” si segnala che è necessario utilizzarla a fine caricamento di tutte le informazioni richieste. La funzione è finalizzata a salvare e verificare tutti i dati inseriti, inclusi gli allegati; dopo questo controllo si generano automaticamente le Componenti e il cronoprogramma. Se il controllo va a buon fine, la voce del menu di sinistra diventa: ”Invio progetto verificato”.


#7 - 13/02/2107 - Agenzia per lo Sviluppo dell'Empolese Valdelsa spa

Si segnala che la piattaforma eMS NON prevede l’inserimento dei previsti 3.000 caratteri di descrizione di ciascuna componente: dopo l’inserimento dei partner che vi partecipano, il modello prevede subito l’inserimento degli output e delle attività (500 caratteri ciascuna)...

 

Si comunica che nel sistema eMS, Parte C5 "Piano di lavoro per Componenti", è stato ripristinato il campo "Sintesi della Componente"; per descrivere la Componente è così possibile utilizzare fino a 3.000 caratteri.


#8 - 15/02/2107 - Agenzia per lo Sviluppo dell'Empolese Valdelsa spa

Poiché la Regione ha sede solo a Firenze, sulla piattaforma nella sessione B (Partenariato del Progetto) la sua sede è legata al NUTS di Firenze, e dunque nonostante essa operi nel progetto unicamente in relazione all'area costiera nella successiva sessione E (Panoramica Budget di Progetto) i suoi costi sono compiutati fra quelli dei Partner Fuori dell'Area di Programma. La piattaforma NON chiede in fase di immissione dei costi quali siano destinati ad attività fuori area bensì sembra attribuire tutti i costi del partner Regione Toscana ad attività fuori area.

1. E' corretto quanto accade, ovvero davvero tutti i costi della Regione Toscana, avendo sede a Firenze, devono rientrare nel 20% di costi ammissibili per partner fuori area?

2. La tabella A.4 (Fonti di Cofinanziamento del progetto / Ripartizione tra i Partner) della sessione E (Panoramica Budget di Progetto) è rappresentativa dei costi fuori area e questi devono solo essere riportati (se presenti) nella sessione C.8?

3. In che modo è possibile indicare alla piattaforma che la Regione Toscana opera nel progetto unicamente a servizio delle aree comprese dal programma, e dunque far rientrar sotto tale voce i suoi costi?

 

Il sistema informativo e-MS, in corrispondenza con le regole del Programma, rileva la localizzazione sia del Partner, sia delle attività del progetto. Nello specifico, un Partner localizzato a Firenze (senza altra sede operativa) è considerato “Partner fuori area” e così viene riportato nella Tabella A4 di sintesi. Diversa è la localizzazione delle attività fuori area che possono essere svolte sia da Partner localizzati in area di cooperazione, sia da Partner localizzati fuori dall'area di cooperazione. La localizzazione delle attività viene tracciata attraverso l'inserimento delle singole voci di spesa. Nella Parte D – Budget del Capofila / Partner – al momento di inserimento dei dettagli di budget, la maschera permette di selezionare da un menu a tendina se la spesa è localizzata in area di cooperazione. L'insieme delle attività fuori area vengono riportate nella Tabella di sintesi E2. Concorrono al calcolo del 20% del FESR destinato al progetto, le sole attività fuori area, indipendentemente dalla localizzazione del Partner. Si ricorda che, in accordo con l'Articolo 20 del Regolamento (UE) 1299/2013, sono esonerate dal suddetto 20% le spese di assistenza tecnica e quelle per le attività promozionali e di capacity building, che devono comunque avere un valore aggiunto per l'area di Programma al pari di qualunque altra attività finanziata con fondi UE. La Tabella A4 dunque non è rappresentativa delle spese del progetto localizzate fuori area. La Sezione C8 deve dimostrare ilvalore aggiunto delle attività localizzate fuori dall'area di cooperazione. Tale descrizione è utile alla valutazione della loro ammissibilità, in applicazione del relativo criterio di valutazione presente nella griglia per la valutazione delle candidature. E' possibile indicare che le attività della Regione Toscana sono a favore dell'area nella domanda “Vantaggi della partecipazione del partner al progetto », Parte B del formulario di candidatura. Nel caso in cui la Regione Toscana sostenga parte delle spese fuori dall'area di cooperazione, queste devono essere segnalate nelle maschere di inserimento delle spese, « definisci budget » della Parte D del formulario.


#9 - 17/02/2017 - Umberto Pascucci e Regione Toscana

1)Segnaliamo che sul file .xls del budget "ANNEXE_ALLEGATO_7_Budget_FR-IT_08092015" le spese amministrative a tasso forfettario vengono calcolate al 20% e non al 15% e nel riepilogo del costo del personale a tasso forfettario viene sbagliato il calcolo per la COMP1-P1 perché ci va a mettere dentro la COMP0-P0 delle missioni che non ha un formato numerico, così come per le attrezzature e le infrastrutture.

2) Segnaliamo che nell'allegato 7_budget è impossibile aggiungere righe anche rispettando le indicazioni da voi riportate.

3) Nel file excel budget ci sono formule con le percentuali di spesa forfettaria di amministrazione del 20%  (es. riga C158 foglio B.D. PP1) quando il massimo consentito è il 15%. Viceversa alla riga 151 si parla del 15% dei costi del personale mentre nelle formule è riportato il 20%.

 

Abbiamo provveduto a ricaricare sul sito del Programma il file corretto. Si prega di scaricare nuovamente l'Allegato 7 cliccando il link http://interreg-maritime.eu/it/2_avviso. Si ricorda che se si desidera inserire righe ulteriori, al fine di non perdere le informazioni necessarie (formule, menù a tendina..) occorre attenersi alla seguente procedura: selezionare e copiare una o più righe, quindi inserire le righe copiate senza spostare il cursore.


#10 - 20/02/2017 - Regione Toscana

Per le attività che nascono e finiscono con il progetto e riguardano tutte le componenti quali ad esempio "consulenze e servizi", i costi devono essere necessariamente separati per componente e per periodo? Oppure si assegna ad un unico periodo (quello iniziale per esempio)? 

 

Al fine della compilazione di un budget quanto più possibile aderente alla realtà, è raccomandabile che sia fatta una previsione dei costi di progetto quanto più corretta e realistica possibile, anche in termini di tempistica. E' pertanto necessario ripartire i costi in relazione sia alle componenti, sia ai periodi di spesa. Al riguardo, si consiglia di far riferimento al paragrafo "1.5 Predisporre un buon Piano finanziario" del Manuale Sezione B per la presentazione delle candidature. Si ricorda che in sede di valutazione del progetto si terrà conto anche dell'adeguatezza del budget, e ciò comprende anche la distribuzione del budget all'interno dei periodi di spesa.


#11 - 20/02/2017 - Regione Toscana

In caso di scelta di spese forfettarie, perché in eMS è possibile ridurre le percentuali indicate, mentre in excel no?
 

Per quanto riguarda le percentuali relative alla forfettizzazione delle spese di personale (20%) e delle spese d'ufficio e amministrative (15%), si precisa che, per quanto il sistema e-MS preveda la possibilità di diminuire tali percentuali, queste non dovranno essere modificate.