Indietro

Il Parlamento europeo e il Consiglio devono salvare l'essenza della politica di coesione

30 maggio 2018

COMUNICATO STAMPA

 

La CRPM [Conferenza delle Regioni Periferiche Marittime, ndt] invita il Parlamento europeo e il Consiglio a proteggere e rafforzare i principi fondamentali della politica di coesione in seguito alla proposta presentata ieri dalla Commissione europea.

La CRPM è molto preoccupata per la frammentazione della politica di coesione, l'a soppressione dei programmi marittimi transfrontalieri e l'introduzione della possibilità di trasferimento dei fondi della politica di coesione verso altri strumenti dell'UE, al di fuori della politica di coesione.

Il Presidente della CRPM Vasco Cordeiro ha dichiarato: "Innanzitutto, la Commissione ha proposto il 2 maggio di ridurre la politica di coesione del 10% in termini reali. Oggi la proposta sulla politica di coesione riduce significativamente il contributo dei finanziamenti UE al cofinanziamento. Questo significa una doppia riduzione dei fondi della politica e un duplice onere per le Regioni e gli Stati membri che operano per la coesione sociale, economica e territoriale ".

La CRPM è particolarmente preoccupata rispetto ai punti seguenti:

- al fatto che considerevoli risorse provenienti dai fondi strutturali e di investimento siano riassegnate al nuovo strumento InvestEU. Questo significherebbe che i fondi della politica di coesione sarebbero investiti in uno strumento che non ha l'obiettivo di migliorare la coesione sociale, economica e territoriale.
- che il FSE diventi un fondo separato nel bilancio con i propri obiettivi. Questo potrebbe far perdere la sua dimensione territoriale e far perdere la sua capacità di rafforzare la coesione sociale, economica e territoriale.
- che il rafforzamento del legame tra la politica di coesione e il semestre europeo allontani la politica dagli obiettivi originari stabiliti nei Trattati. Con il futuro programma di sostegno alle riforme, questo significherà che i fondi della politica di coesione saranno utilizzati per realizzare riforme strutturali in settori non cruciali a livello regionale.
- dall'abolizione dei programmi di cooperazione marittima transfrontaliera. Gli Stati membri e le regioni marittime saranno penalizzati a causa delle loro specificità geografiche.

 

Più positivamente, la CRPM:

- plaude agli sforzi compiuti dalla Commissione per semplificare la politica. Le proposte per semplificare il processo di designazione delle Autorità di Gestione sono un passo nella giusta direzione.
- sostiene la proposta di aumentare il sostegno dell'UE alla cooperazione interregionale per l'innovazione a livello subnazionale.

 

Il Segretario Generale della CRPM Eleni Marianou ha dichiarato: "Le disparità regionali stanno aumentando in tutta Europa. La politica di coesione resta l'unica politica europea che affronti e riduca le disuguaglianze sul terreno e siamo lieti di notare che la proposta della Commissione è rivolta a tutte le regioni europee. La proposta odierna incoraggia il trasferimento dei fondi della politica di coesione ad altri strumenti come l'InvestEU, e questo è fonte di preoccupazione per le regioni periferiche marittime".