FAQ sui contenuti

Durante la pubblicazione del Il Avviso è disponibile un servizio di domande-risposte. Le domande possono essere inviate al più tardi entro il 24 febbraio 2017 all'indirizzo marittimo1420@regione.toscana.it per avere una risposta pubblicata entro la scadenza del 7 marzo 2017. Non si assicura risposta alle domande che giungeranno dopo questa data.

Le risposte non sono inviate via mail, ma sono pubblicate in italiano e in francese, con le domande originali, in questa pagina, per quanto riguarda i contenuti dell'Avviso.

Le risposte sul funzionamento del sistema informativo eMS "Marittimo plus" sono pubblicate invece nella pagina dedicata.


#1 - 05/12/2016 - Asse Prioritario 4 - Smeralda Consulting & Associati SRL

Chiediamo se può essere considerato ammissibile, nell’ambito delle filiere transfrontaliere e più nello specifico nella filiera transfrontaliera Energie rinnovabili 'blu e verdi', il settore dell’efficientamento energetico degli edifici e della contestuale promozione delle energie rinnovabili ad uso privato nell’ambito di un progetto da presentare all’interno dell’ASSE 4.

 

L'Asse 4 lavora sulle stesse filiere dell'Asse 1. In questo senso se, per esempio, si vuole promuovere l’ autoimprenditorialità nel settore del turismo innovativo e green, per turismo green si può anche intendere l’uso di energie rinnovabili. E' chiaro che le azioni e le risorse devono però essere centrate soprattutto sulla creazione di autoimprenditorialità e non sull'investimento su edifici efficientati energeticamente.


#2 - 05/12/2016 - Localizzazione delle operazioni - Aba Holding

La presente per chiedere se la totalità delle aziende deve avere sede in una delle regioni dell'interreg, mi riferisco in particolare all'avviso di prossima pubblicazione: II Avviso per la presentazione di candidature di progetti semplici e strategici integrati tematici e territoriali per gli Assi prioritari 1-2-3-4 - Lotto 1: Progetti finalizzati ad investimenti per la promozione dei prodotti turistici e per il miglioramento dell’accessibilità e della sostenibilità dell’offerta turistica

 

Così come previsto dal “Manuale Sezione B – Presentazione delle candidature”, par. 2.1.3., 2.1.4. e dall’Avviso al par. IV.2 “Localizzazione delle operazioni o parte di operazioni (attività)”, al presente Avviso saranno ammissibili al finanziamento anche organismi privati che, pur non localizzati nell’area di Programma, siano localizzati nei territori dei due Stati Membri italiano e francese. Tali soggetti potranno essere compresi nel partenariato di progetto e potranno realizzare anche attività fuori dall’area di Programma – ma nei territori dei due Stati Membri italiano e francese – a condizione che: • la loro presenza e le loro attività siano a beneficio dell’area di Programma; • l’importo totale delle attività fuori area non superi il 20% delle risorse FESR dedicate al progetto.


#3 - 06/12/2016 - Localizzazione delle operazioni - Monumenti Aperti

Questa associazione con personalità giuridica sta animando un partenariato per partecipare al bando del prossimo 2° avviso previsto per il 07/12/2016.

1° Quesito:
Poichè si intende realizzare un progetto strategico integrato tematico, ha già costituito un partenariato che rappresenta quasi tutte le aree territoriali coinvolte dal programma. Manca una sola area, che potrebbe essere rappresentata da un ente regionale con personalità giuridica (avente sede legale nel capoluogo di regione in area non elegibile), con diverse sedi operative territoriali in aree elegibili.
Tale ente può essere considerato partner elegibile?


2° Quesito:
Nello stesso partenariato, in precedenza indicato, può essere inserita, entro la disponibilità di spesa che non superi il 20% del budget, una autorità locale sita in area locale non elegibile, ma in area regionale elegibile?

 

1° Quesito: Si ricorda innanzitutto che il partenariato di progetto deve essere rappresentativo di tutti i 5 territori del Programma solo per i progetti strategici integrati tematici e territoriali degli Assi 2 e 3. Se del caso, così come previsto dal “Manuale Sezione B – Presentazione delle candidature” par. 2.1.3., 2.1.4. e dall’Avviso al par. IV.2 “Localizzazione delle operazioni o parte di operazioni (attività)”, al presente Avviso saranno ammissibili al finanziamento anche organismi pubblici e/o organismi di diritto pubblico che, pur non localizzati nell’area di Programma, siano localizzati nei territori dei due Stati Membri italiano e francese. Tali soggetti potranno essere compresi nel partenariato di progetto e potranno realizzare anche attività fuori dall’area di Programma – ma nei territori dei due Stati Membri italiano e francese – a condizione che: • la loro presenza e le loro attività siano a beneficio dell’area di Programma; • l’importo totale delle attività fuori area non superi il 20% delle risorse FESR dedicate al progetto. 2° Quesito: vale la stessa risposta di cui al quesito precedente.


#4 - 12/12/2016 - Beneficiari ammissibili - Consorzio Industriale Provinciale Oristanese

I Consorzi Industriali Provinciali (Enti Pubblici Economici con personalità giuridica) costituiti in forma di Consorzi di Enti Locali ex art. 31 del TUEL ai sensi della Legge Regionale Sarda n. 10/2008 (Riordino delle funzioni in materia di aree industriali), possono partecipare agli Avvisi per accedere alle risorse del Programma?

 

Sì.


#5 - 12/12/2016 - Asse Prioritario 1-Lotto 1 - Cinzia Sposito

In riferimento all'asse prioritario 1 - LOTTO 1 - Tipologia di azione Bd

domanda 1:
un comune può essere beneficiario? (non capisco se rientra nella definizione di "organismi pubblici").

domanda 2:
nel caso un comune possa essere beneficiario quale è l'intensità di aiuto, l'80%?

 

Risposta 1: Sì;

 

Risposta 2: Così come previsto dal “Manuale Sezione B – Presentazione delle candidature” par. 2.5 “Cofinanziamento”, il Programma è finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR), la cui percentuale di cofinanziamento è pari all’85%. Il cofinanziamento nazionale di Programma è stabilito nella misura del 15%; per i partner italiani pubblici (tra cui sono ricompresi i Comuni) viene assicurata dal Fondo di Rotazione di cui alla Delibera CIPE N. 10 del 28/01/2015.


#6 - 29/11/2016 - Asse Prioritario 3 -Lotto 2 - Università di Pisa – Ingegneria

Sul lotto 2 dell’Asse 3 bisogna fare riferimento alla lista dei porti commerciali indicati nell’All. 6 del PC e richiamati in corrispondenza dell’Asse Prioritario n. 2, nota n. 2 pag. 9 dell’Allegato 1 (Lotti)?

 

No, per quanto riguarda i Lotti 2 e 3 - Asse 3, possono partecipare tutti i 
porti commerciali dell'area di cooperazione.


#7 - 28/12/2016 - Aiuti di Stato e grandi imprese - Regione Sardegna

Sul lotto 1 dell’Asse 3, le grandi imprese come devono comportarsi rispetto agli Aiuti di Stato? Quale regime applicano?

 

Con riferimento al lotto 1 dell’Asse 3, per le grandi imprese si applicano i seguenti Regolamenti: - Regolamento (UE) n. 1407/2013 De Minimis; - Regolamento (UE) n. 651/2014 di Esenzione, art. 25 - “Aiuti a progetti di ricerca e sviluppo”, con le seguenti intensità massime: - Ricerca industriale (art. 25, par. 2, lett. b): 50%; - Sviluppo sperimentale (art. 25, par. 2, lett. c): 25%; - Studi di fattibilità (art. 25, par. 2, lett. d): 50%


#8 - 29/12/2016 - Spese ammissibili - GAL Marmilla

Gentile referente in riferimento al II avviso, avremmo necessità di sapere se sono ammessi i sub-grants. Nello specifico, il capofila, GAL Marmilla, intende promuovere un progetto sul turismo accessibile e, tra le azioni, prevede la possibilità di garantire (attraverso avviso pubblico) incentivi per la realizzazione di piccole infrastrutture che contribuiscano a migliorare l’accessibilità di strutture turistiche private (es. ricettive o di ristorazione)

 

La tipologia di intervento è in linea di massima ammissibile. Per quanto riguarda l’avviso pubblico, si richiama la necessità – sia da parte del Capofila che dei soggetti selezionati, di rispettare quanto previsto dal Manuale “Sezione D – La gestione dei progetti, la rendicontazione delle spese e i controlli”  (scaricabile dal sito di Programma al link:  http://interreg-maritime.eu/it/2_avviso)  in materia di acquisizione di lavori, forniture e servizi sul mercato (par. 2.1.1. e 3.2.4.4.) e, altresì, il rispetto della disciplina in materia di Aiuti di Stato. Con riferimento ai costi che verranno rendicontati da parte delle strutture selezionate attraverso tale avviso pubblico, si raccomanda, inoltre, il rispetto di tutte le regole di ammissibilità della spesa previste dal Programma, mettendo a disposizione la  i giustificativi dei costi sostenuti.

 

 


#9 - 05/01/2017 - Asse Prioritario 1, Lotto 1 - Agenzia di Sviluppo GAL Genovese

Gentilissimi, stiamo predisponendo una proposta progettuale da presentare per il II° Avviso del Programma sull’Asse 1, Lotto 1, Azione Bc. A tal proposito chiediamo se è possibile avere qualche informazione o scheda (buone pratiche) su progetti già approvati sulla tematica e in particolare sulla creazione e commercializzazione di pacchetti turistici per ridurre le concentrazioni stagionali. Questo per capire cosa è già stato fatto e studiato per non correre il rischio di replicare attività.

 

Con riferimento al periodo di programmazione 2007-2013, La invitiamo a consultare le schede di progetto finanziati al seguente link: http://www.maritimeit-fr.net/ita/progetti (con particolare riferimento ai progetti “Turrenia” e “Bonnesprit”). La informiamo altresì che a breve potrà consultare sul sito di Programma 2014-2020 l’elenco delle operazioni finanziate nell’ambito del I Avviso.


#10 - 11/01/2017 - Ammissibilità soggetti privati - TICASS scrl

 

Con riferimento a:

partecipazione al bando di Soggetti Privati:

• II avviso del Programma Italia-Francia Marittimo 2014-2020 - IV.1 Tipologie di beneficiari ammissibili (PRIVATI SI);

• Allegato 1 (lotti) - LOTTO 2 Progetti finalizzati alla realizzazione di piani d’azione e azioni pilota per lo smaltimento dei rifiuti e dei reflui nei porti pagina 11 (E) Beneficiari Organismi pubblici e organismi di diritto pubblico, amministrazioni pubbliche, autorità portuali, gestori pubblici e privati di porti turistici, università e centri di ricerca, enti gestori di aree marine protette, capitanerie di porto. Si precisa che, pur essendo l'elenco sopra riportato indicativo e non esaustivo, le grandi imprese sono escluse dalla partecipazione al presente lotto ("sembrerebbe" PRIVATI NO). 

• quale regola si applica nello specifico? Attualmente non è chiarissimo quale delle due abbia priorità sull'altra.

 

 

In conformità con quanto previsto dall’Avviso par. IV.I, gli organismi privati, purché dotati di personalità giuridica, sono ammissibili per tutti gli Assi in qualità di Partner. Come previsto dal paragrafo IV. 3 dell’Avviso, la funzione di Capofila è riservata a: - Organismi privati purché dotati di personalità giuridica per i progetti di cui agli Assi 1, 3; - Organismi privati purché dotati di personalità giuridica e senza scopo di lucro per i progetti semplici di cui all’Asse Prioritario 2.


#11 - 12/01/17 - Asse Prioritario 3, lotto 2 - Distretto Ligure Tecnologie Marine

(…) in riferimento a quanto previsto dal bando attualmente aperto relativamente all’Asse 3 Lotto 2, “Progetti finalizzati alla definizione di modelli di simulazione e regolazione dei traffici terrestri e alla realizzazione congiunta di strumenti ITS per la riduzione delle emissioni sonore e per investimenti per la riduzione dell’inquinamento acustico nei porti commerciali e piattaforme logistiche integrate”, vi richiediamo un chiarimento in merito: All’applicabilità, sul sopracitato lotto, di azioni finalizzate all’analisi/monitoraggio/valutazione

 

- Se si intende prevedere studi, analisi, monitoraggio, valutazione, selezione di buone pratiche, l’oggetto sono i traffici terrestri (veicoli leggeri e camion) provenienti da attività portuali e da attività urbane e sviluppo di azioni pilota indirizzati alla riduzioni di emissioni sonore (Tipologia di azione A) pag. 20 All. 1 lotti);

- Solo nel caso in cui dovessero essere realizzati investimenti per piccole infrastrutture finalizzate alla riduzione/monitoraggio dell’inquinamento acustico nei porti, questi interventi potrebbero riguardare anche l’emissione acustica dei mezzi navali e nautici attivi ed il rumore subacqueo generato da tali mezzi