3. Gestione dei rischi legati ai cambiamenti climatici

L’area di cooperazione è nel complesso fortemente vulnerabile rispetto al cambiamento climatico e alle catastrofi naturali. Si registrano con regolarità, infatti, gli effetti delle alluvioni, delle esondazioni e degli incendi.

I recenti avvenimenti catastrofici che hanno interessato lo spazio di cooperazione hanno provocato numerose vittime e rischiato di compromettere seriamente l’ecosistema di alcune zone.

Inoltre hanno contribuito a enfatizzare drammaticamente la vulnerabilità dell’area dal punto di vista ambientale e dal punto di vista economico.

Lo spazio presenta inoltre un forte bisogno di affrontare i rischi specificamente legati all'insufficiente sicurezza marittima (con conseguenze spesso catastrofiche) dovuta al traffico molto intenso di merci, e soprattutto di merci pericolose, e di passeggeri che attraversano il nord del Mediterraneo per turismo nautico o crocieristico.

 

Progetti legati al polo

 

Rischi alluvioni e erosione costiera

ADAPT

MAREGOT

PROTERINA-3

T.R.I.G - Eau

 

Rischi incendi

Med STAR 

Med PSS

InterMed

Med Foreste

MedCoopFire

 

Sicurezza in mare e nei porti

SICOMAR plus 

Alacres II

GIAS

OMD

ISIDE

LOSE+

SINAPSI

 

Piattaforme:

INTERACT OT 5 e Knowledge of the Seas

 

Contenuti sul tema

Video: Rischi legati ai cambiamenti climatici

 

Referenti del polo:

Velia Lucidi e Jasmine Andreaus (Segretariato Congiunto)

Mara Sori (Autorità di Gestione)

 

Contatti:
marittimo1420@regione.toscana.it