Indietro

Dichiarazione dei Ministri del Mediterraneo occidentale

30 novembre 2017

I Ministri dei Paesi del Mediterraneo occidentale si sono riuniti oggi a Napoli, per sostenere e lanciare la cosiddetta "Iniziativa per lo sviluppo sostenibile dell'economia blu nel Mediterraneo occidentale": una serie di azioni comuni orientate a rendere lo spazio marittimo comune più sicuro, pulito e più produttivo.

I Ministri hanno concordato il sistema di governance dell'iniziativa e hanno deciso che il suo comitato direttivo sarà co-presieduto da Algeria e Francia nel 2018, Francia e Marocco nel 2019 e Marocco e Italia nel 2020.

La riunione informale si è conclusa con l'adozione di una dichiarazione firmata dai 10 Paesi partecipanti (Algeria, Francia, Italia, Libia, Malta, Mauritania, Marocco, Portogallo, Spagna e Tunisia).

Karmenu Vella, Commissario europeo per l'ambiente, gli affari marittimi e la pesca, ha dichiarato: "La dichiarazione ministeriale adottata oggi testimonia la volontà politica dei paesi di promuovere la crescita sostenibile nella regione del Mediterraneo Occidentale. Se vogliamo un mare mediterraneo sicuro e pulito, dobbiamo unirci. Se vogliamo creare posti di lavoro e disporre di un'economia blu sostenibile, dobbiamo tutti lavorare nella stessa direzione ed è bello vedere che sia i paesi dell'UE che quelli del Sud stanno facendo propria l'iniziativa con la stessa convinzione ".

Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio ha dichiarato: "La geografia è un destino e la geografia non può essere messa da parte: il Mediterraneo è una parte del destino condiviso dai dieci Paesi che oggi hanno concordato con l'Unione europea e l'Unione per il Mediterraneo (UpM) sul fatto che la tutela e lo sviluppo dell’ambiente sono essenziali per il nostro futuro. Per dare un contributo importante alla crescita globale delle nostre società, ci impegnamo a trasformare il Mar Mediterraneo in un'area di sviluppo pacifico e sostenibile a livello sociale, economico e ambientale. Dobbiamo garantire che questo comune destino geografico attui una politica di welfare per le persone in questa area".

Parallelamente alla riunione ministeriale, si è tenuta a Napoli la giornata conclusiva della conferenza sulla blu economy del Mediterraneo occidentale. La conferenza ha riunito oltre 400 partecipanti provenienti da 30 paesi a rappresentanza di autorità nazionali, regionali e locali, del settore privato, di organizzazioni internazionali, università e organizzazioni della società civile legate alla sfera marittima. I partecipanti hanno discusso di opportunità e sfide dell'economia blu nel Mediterraneo e di come stimolare l'economia e creare posti di lavoro.

Al termine della sessione plenaria della conferenza, il Segretariato dell'Unione per il Mediterraneo e la Commissione generale per la pesca nel Mediterraneo (GFCM-FAO) hanno firmato un memorandum d'intesa sulla pesca sostenibile.

 

Per saperne di più:

Dichiarazione dei Ministri

www.ec.europa.eu/maritimeaffairs