Indietro

P.RI.S.MA.-MED: evento di lancio

21 giugno 2018
Il progetto P.Ri.S.MA.- MED – Piano per i Rifiuti e gli Scarti di pesca/acquacoltura/diporto nel MAr MEDiterraneo sarà presentato il 21 giugno 2018 presso il Palazzo della Regione Liguria
Sala Trasparenza della Regione Liguria - Palazzo della Regione , Genova, piazza De Ferrari - ore: 11:30

Giovedì 21 giugno 2018 a partire dalle 11:30, presso il Palazzo della Regione Liguria a Genova, si terrà l'evento di lancio del progetto P.RI.S.MA.-MED, in presenza di:

  • Stefano Mai, Assessore alla Pesca e Acquacoltura Regione Liguria
  • Claudia Cattaneo, Rappresentante del TICASS
  • Valter Nunziatini, Regione Toscana – Direzione agricoltura e Sviluppo rurale
  • Benedetto Sechi, Presidente FLAG Nord Sardegna
  • Augusto Comes, presidente Gestimar e rappresentante CIRSPE

Ogni anno milioni di tonnellate di rifiuti finiscono in mare o in ambito portuale quale conseguenza di una cattiva gestione e raccolta dei rifiuti, mancanza di infrastrutture e scarsa conoscenza delle gravi conseguenze sull’habitat naturale.

I rifiuti durevoli abbandonati nell’ambiente marino, i cosiddetti “marine litter”, che comprendono plastica, carta, metallo, legno, permangono a lungo nel mare, galleggiando o depositandosi sul fondale. Rientrano in questa categoria anche le reti da pesca e acquacoltura, in grado di causare un depauperamento della fauna ittica in quanto possono rimanere in sospensione e continuare a “pescare”, o depositarsi su fondali rocciosi con gravi danni all’habitat bentonico .

I rifiuti che derivano dalle attività di pesca, acquacoltura e diporto comprendono anche rifiuti speciali (batterie, olii motore), rifiuti organici (specie sotto taglia, scarti) oltre ai rifiuti raccolti in mare (plastica, vetro, carte e cartoni, tessuto, legno, materiale ferroso). Attualmente, nei porti questi rifiuti hanno una gestione disorganizzata: non sono infatti disponibili spazi per lo stoccaggio, non esistono modalità operative per lo smaltimento e sono completamente assenti le pratiche di riutilizzo della frazione organica. I pescatori che raccolgono rifiuti dal mare, non trovando a terra strutture adeguate, sono costretti ad abbandonarli nuovamente in acqua, contribuendo ad aumentare i problemi ambientali anche nelle aree portuali e al permanere della “marine litter”.


L’obiettivo generale di P.Ri.S.MA.- MED  è quello di innovare la governance e la gestione integrata nei porti commerciali di rifiuti e scarti derivanti da pesca - acquacoltura - diporto attraverso l’adozione di un Piano per la gestione ed il riutilizzo di rifiuti e scarti derivanti da queste attività umane. In quest’ottica, il progetto si articola secondo due obiettivi specifici:

  1. miglioramento delle condizioni ambientali, logistiche e igienico-sanitarie delle aree portuali, attraverso la realizzazione di una “filiera del rifiuto” e l’allestimento di isole ecologiche ad hoc sperimentali;  

  2. sviluppo dell’economia circolare legata a recupero integrale di alcuni prodotti di scarto organici ed inorganici, tipici della pesca e dell’acquacoltura, al fine di reinserirli nel ciclo produttivo.

Il progetto prevede inoltre la redazione e la condivisione dei protocolli di best practice per la gestione dei rifiuti derivanti dalle attività di pesca, acquacoltura e diporto.