Il progetto

Il programma INTERREG Italia-Francia Marittimo intende far leva sulla specializzazione dei territori, in particolare su un turismo che sia innovativo e sostenibile, su biotecnologie e energie rinnovabili blu e verdi e sulla nautica e la cantieristica navale.

Per sprigionare tutto il loro potenziale e per garantire il futuro dei 5 territori dell’area di cooperazione, questi settori necessitano di capacità “imprenditoriali”competenze professionali e skills orizzontali.

Per il progetto EXTRA queste capacità, competenze e skills sono proprie dell’esperto di progetti europei per lo spazio transfrontaliero. Tale profilo, infatti, è capace di attivare e gestire processi di sviluppo e di innovazione locale smart e, nei territori nei quali lavora, svolge la funzione cruciale di abilitatore, in quanto: a) analizza criticamente l’ambito contestuale all’interno del quale lavora; b) attiva processi di scoperta delle potenzialità attraverso la curiosità; c) mantiene le relazioni con gli stakeholders pubblici e privati; d) sperimenta azioni di “distruzione creativa” dell’esistente e di interazione tra organizzazioni, comunità e singoli.

Nel concreto, il progetto EXTRA da la possibilità a 30 giovani italiani e francesi di beneficiare di un percorso di training on the job e di un percorso formativo innovativo, integrato e personalizzato. Le competenze acquisite saranno certificate per potenziarne l’occupabilità nel mercato del lavoro transfrontaliero ed europeo.

Il progetto EXTRA ha inoltre una ricaduta importante anche per i soggetti pubblici e privati coinvolti nei progetti finanziati dall'INTERREG Marittimo: potranno fare scouting tra giovani talenti italiani e francesi opportunamente formati per gestire progetti europei!

Due caratteristiche rendono il progetto EXTRA estremamente innovativo:

  1. La capitalizzazione come input e non come output: Il progetto EXTRA adotta e capitalizza i risultati del progetto EMVOI - finanziato dal programma Erasmus KA2 – che ha creato un corso e-learning rivolto agli esperti di progetti europei e ha adottato lo standard ISO 17024 per certificare le competenze acquisite. Il processo di capitalizzazione è posto come input per l’implementazione del progetto EXTRA e ha reso possibile la creazione dei percorsi di training on the job e di formazione

  2. La natura orizzontale delle competenze acquisite: Il progetto EXTRA non forma specializzazioni “a silos” bensì rafforza capacità, competenze e skills innovative, trasversali e che abilitano lo sviluppo sostenibile dei territori.

EXTRA è implementato da un partenariato pubblico-privato:

- un capofila pubblico (Comune di Massa) che svolge il ruolo di “piattaforma abilitante”;

- 1 ente di formazione privato (Irecoop Toscana) che coordina l’organizzazione delle mobilità;

- 2 cooperative (Condiviso e SudConcept) che lavorano nell’ambito dell’innovazione sociale e della progettazione d’impatto e che mettono a disposizione il know-how tecnico necessario alla sua implementazione.