IMPACT

IMpatto Portuale su aree marine protette: Azioni Cooperative Transfrontaliere

Indietro

Lancio del progetto IMPACT a Firenze

19 maggio 2017

Più di 60 partecipanti si sono riuniti nella splendida sala dell’Auditorium Sant'Apollonia a Firenze per l’evento di lancio del progetto IMPACT. Oltre ai rappresentanti degli Enti partner di progetto, numerosi stakeholder hanno assistito alle presentazioni delle attività e degli obiettivi previsti dal progetto. Dopo i saluti iniziali, il Dott. Marcello Magaldi del CNR-ISMAR, responsabile del progetto, ha presentato la grande sfida che il consorzio si è posto: fornire strumenti e direttive per conciliare lo sviluppo portuale con la protezione delle aree marine protette limitrofe. Quattro sono le domande a cui il progetto vuole rispondere:

  • Possiamo quantificare le corrette dimensioni delle aree marine protette?
  • È possibile identificare le sorgenti potenziali di inquinamento portuale?
  • Possiamo determinare le distribuzioni dei contaminanti?
  • È possibile fornire agli stakeholder strumenti di governance per lo sviluppo e la gestione sostenibile dei porti e per una migliore e più efficiente protezione delle aree marine protette circostanti?

A seguire, i responsabili di ciascuna componente del progetto hanno illustrato gli obiettivi di propria competenza.

La giornata si è conclusa con una tavola rotonda, moderata dalla Dott.ssa Gilda Ruberti - Dirigente del Settore protezione e valorizzazione fascia costiera e dell'ambiente marino della Regione Toscana -, cui hanno partecipato rappresentanti delle Aree Marine Protette dell’area transfrontaliera e rappresentanti degli enti preposti alla sorveglianza marittima. Il tema in discussione è stato l’esame degli strumenti di governance esistenti che regolano i rapporti tra le aree portuali e le Aree Marine Protette