SEDITERRA

Lignes Directrices pour le traitement durable des sédiments de dragage de l'aire Marittimo

Obiettivi

Principali obiettivi del progetto SEDITERRA:

 

- Estendere le riflessioni sul territorio Marittimo (Italia / Francia) su:

• Gestione terrestre di sedimenti di dragaggio non sommergibili - in Francia

• Gestione marina dei sedimenti dragati (mediante valutazione dell'ecotossicità marina) - in Italia

 

- Testare e implementare soluzioni di pretrattamento e trattamento su sedimenti dragati

- Creare un centro di ricerca e sviluppo nel Mediterraneo (zona di ricerca e sviluppo CPEM ENVISAN a La Seyne / mer)

- Promuovere la produzione di eco-materiali derivanti dalla gestione dei sedimenti e quindi seguire gli obiettivi definiti nella strategia Europa 2020 ( Realizzazione di test pilota per la valorizzazione di sedimenti dragati (calcestruzzo, terrapieno, materiali stradali, ecc.) - monitoraggio (in condizioni controllate) 1 anno di prestazioni ambientali e geotecniche

- Estendere un processo di capitalizzazione attraverso uno scambio di buone pratiche e proprietà transfrontaliere (sito web https://sediterra.net/it/)

- Armonizzare la gestione dei sedimenti di dragaggio su scala transfrontaliera Francia / Italia

- Sviluppare linee guida per il trattamento sostenibile dei sedimenti dragati nell'area di Marittimo

 

Parole chiavi :


- Transfrontaliero : Scambi di buone pratiche attraverso la condivisione di soluzione testate localmente e analisi della loro riproducibilità in altri territori, secondo le differenti potenzialità. 

- Specificità : I sedimenti mediterranei presentano delle caratteristiche specifiche che non possono essere trattate se non nell’ambito di un progetto che associ gli attori al territorio. Ad esempio, solo pochissimi studi sono disponibili sul tema della presenza di fibre di Posidonia nei volumi dragati. 

- Complementarità : le modalità di gestione messe in opera nei 2 paesi partner sono complementari. In Francia sono numerosi gli studi pilota sulla gestione a terra dei sedimenti e le conoscenze prodotte hanno permesso di identificare possibili scenari applicativi. In Italia, vi è una maggiore conoscenza della gestione acquatica dei sedimenti e dell’impatto di questi sull’ambiente marino; tutte problematiche note e recepite dalla normativa vigente. 

- Capitalizzazione : I dati prodotti completeranno quelli già capitalizzati sul sito https://sediterra.net/it/