T.R.I.G - Eau

Transfrontalierità,Resilienza,Innovazione & Governance per la prevenzione del Rischio Idrogeologico

Che cosa realizza?

Dove siamo arrivati:

Ad un anno e mezzo dal suo inizio, il progetto ha terminato con successo la fase di Analisi integrata di contesto che ha contribuito a chiarire le caratteristiche della normativa Italiana e Francese relativa alla gestione degli allagamenti in area urbana per insufficienza della rete di drenaggio, identificare gli stakeholder principali testandone il livello di conoscenza e di interesse rispetto alla tematica progettuale ed identificando al contempo alcune buone pratiche.

Sulla base della Stakeholder Analyses i partner hanno iniziato un importante lavoro di sensibilizzazione sui territori che ha portato alla raccolta, fino ad oggi, di 53 lettere di adesione al progetto garantendo quindi un cospicuo numero di beneficiari da coinvolgere nell’imminente percorso di governance pubblico-privata. A gennaio 2019 i partner avvieranno il percorso di co-progettazione territoriale attraverso la realizzazione di tavolimultistakeholder con il supporto di E2-Stormed – un software realizzato dal progetto che permette di confrontare da un punto di vista economico, energetico e di emissioni climalteranti, i metodi convenzionali di mitigazione del rischio idraulico con i sistemi innovativi (quali i SuDS – sistemi di drenaggio sostenibili) promossi dal progetto. 

Il progetto – visto l’innovatività dei suoi contenuti – è stato invitato e ha partecipato a numerosi eventi internazionali contribuendo ad animare il dibattito rispetto ad un tema complesso e ancora poco conosciuto. 

L’ intervento pilota nel Comune di Camogli è in fase di realizzazione (Rain Water Harvesting) ed il Comune rappresenta anche il caso studio principale sul quale si sperimenterà il software “Modello Semplificato di rischio idraulico residuo”  capace di simulare, attraverso un percorso guidato e semplificato,  la risposta idrologico-idraulica di una rete di drenaggio urbano e conseguentemente fornire un’informazione utile agli enti che vogliono decidere quali e quanti interventi verdi si devono avere sul territorio per aver una mitigazione del rischio. 

 

Obiettivi generali del Progetto T.R.I.G-Eau:

T.R.I.G-Eau ha come obiettivo generale l’aumento delle capacità di resilienza dei territori per la riduzione del rischio idrogeologico.

A questo fine il progetto crea un modello di governance che integra innovazione tecnologica, soluzioni NatureBased e buone pratiche di concertazione pubblico-privato in un’ottica di riappropriazione e rinaturalizzazione degli spazi.

Il Progetto in particolare realizzerà:

- Modello semplificato di Rischio Idraulico Residuo: software distribuito in forma freeware scaricabile da internet e con web tutorial bilingue (ITA/FRA);

- DECULVERTING: lavori di riqualificazione sul corso d'acqua "Gorgolinato" nel Comune di Campo nell'Elba attraverso interventi di rinaturalizzazione e detombamento sul tratto urbano del corso d'acqua;

- SUDs: interventi per la mitigazione del rischio alluvionale nel Comune di Solarussa (quartiere Sa Paoli) attraverso azioni miranti a ripristinare la permeabilità dei suoli urbani e la loro capacità di deflusso ed evacuazione delle acque meteoriche;

- Azione pilota "RAINWATER HARVESTING" presso San Fruttuoso di Camogli per il ripristino e la riqualificazione dei terrazzamenti antropici a protezione della popolazione residente e dei beni storico-culturali dell'area di San Fruttuoso di Camogli;

- Documento di Analisi Integrata del contesto transfrontaliero Italia-Francia con realizzazione di piani di azione congiunti al fine di migliorare le capacità delle Istituzioni presenti nei territori partner di gestire il rischio idraulico in maniera partecipata, innovativa e sostenibile;