ADAPT

Assistere l’aDAttamento ai cambiamenti climatici dei sistemi urbani dello sPazio Transfrontaliero

Che cosa realizza?

Il progetto ADAPT realizzerà:

A.1) Azioni ed eventi di sensibilizzazione sul tema dell’adattamento ai cambiamenti climatici;

Evento di lancio

12 workshop locali iniziali

15 eventi 'Social ADAPT'

⇒ Eventi di capitalizzazione e networking fuori area di cooperazione: Roma 20/12/2017, Roma 18/09/2018, Mestre 19/10/2018, Napoli 22/05/2019, Milano 27/09/2019

7 eventi di trasferimento

tour di Anci Liguria

⇒ 2 eventi di capitalizzazione regionale: Sardegna e Liguria

A.2) Percorsi di governance e capacity building sulla pianificazione territoriale, per progettare spazi urbani resilienti ai cambiamenti climatici;

1° Comitato Transfrontaliero

2° Comitato Transfrontaliero

3° Comitato Transfrontaliero

11 Partenariati Urbani per l'Adattamento (PUA)

13 workshop di empowerment

4 webinar sull'adattamento ai cambiamenti climatici

Agorà multimediale

Sottoscrizione del Patto dei Sindaci per il Clima e l'Energia

B.1) Analisi approfondite dei contesti urbani ed esame di altre buone pratiche nel settore in Europa

B.2) Linee guida per supportare i processi di adattamento nelle città coinvolte in ADAPT

B.3) Profili climatici delle città coinvolte nel progetto predisposti o aggiornati

B.4) Piani locali di adattamento ai cambiamenti climatici elaborati da ciascun sistema urbano partecipante al progetto ADAPT

B.5) Monitoraggio dell'approvazione / fase iniziale di implementazione dei piani locali di adattamento ai cambiamenti climatici elaborati da ciascun sistema urbano partecipante al progetto ADAPT

C) Piano congiunto di adattamento ai cambiamenti climatici e il relativo manifesto

D) attività sperimentali nei territori di progetto, valutandone anche la coerenza col piano congiunto transfrontaliero.

  • 7 infrastrutture drenanti in tratti di viabilità, spazi verdi ed edifici pubblici per migliorare la capacità di drenaggio del tessuto urbano (Livorno, Oristano, Alghero, Sassari, Vado Ligure, Savona, La Spezia)
  • 3 modelli di gestione di infrastrutture verdi per migliorare la capacità di contenimento delle acque meteoriche (Dipartimento del Var, Anci Toscana, Comunità di Agglomerazione di Bastia)
  • 2 sistemi di monitoraggio per controllare il livello delle acque nei sottopassi e nel sistema fognario (Rosignano, CISPEL)
  • 1 sistema informativo per la gestione della viabilità in caso di alluvioni urbane (Ajaccio)
  • 1 sistema informativo territoriale - SIT (Comune della Spezia)
  • 1 modello di validazione degli interventi di adattamento, per valutarne la coerenza col piano d’adattamento congiunto (CIMA)
  • Piantumazioni nelle scuole (Ajaccio)
  • Pulizia straordinaria delle caditoie (Livorno)